Come Pulire e Disinfettare il Rasoio Elettrico

Altro che il cane! Il rasoio elettrico è il vero migliore amico dell’uomo: ci accompagna ogni giorno permettendoci di mantenere un look curato ed esattamente come lo vogliamo. Ma se lui ci sta accanto nel momento del bisogno, anche noi dobbiamo ricambiare: come pulire il rasoio elettrico e mantenerlo in forma?

In questo approfondimento ti voglio guidare nel mondo della cura e manutenzione del rasoio elettrico: dalle testine alle lame, dai modelli a batteria a quelli collegati alla corrente.

Una corretta manutenzione del tuo rasoio elettrico ti permetterà non solo di aumentare la sua durata di vita, ma anche di avere uno strumento sempre efficiente e preciso.

Se stai leggendo questo articolo, immagino tu ne abbia già uno, ma se così non fosse ti invito a leggere la guida che ti aiuta a scegliere un rasoio elettrico. Detto questo, è necessario fare una distinzione tra pulizia giornaliera e periodica.

Disinfettare e pulire il rasoio

Prima di mostrarti le varie tecniche a tua disposizione per pulire e su come disinfettare il rasoio elettrico, ricordati che esistono due tipi di pulizia.

Un po’ come la barba stessa, la quale gode di un rito quotidiano fatto di pettini e oli e un rito periodico fatto di shampoo e balsamo, anche il rasoio elettrico richiede diversi accorgimenti per non buttarlo via dopo pochi usi.

Ti consiglio questo articolo se:

  • Il rasoio taglia meno o più lentamente
  • Vuoi aumentare la durata di vita del rasoio elettrico
  • Vuoi che lo strumento che poni sul tuo viso tutti i giorni sia pulito e igienico, oltre ad essere tagliente

Cominciamo quindi dalla pulizia quotidiana.

Pulizia giornaliera

Parto con il dire che sono ovviamente a conoscenza dell’esistenza dei rasoi autopulenti: si tratta di una nicchia di mercato, in cui ad esempio si trovano i modelli come il Phillips Series 9000, che sono dotati di una base in cui inserire il rasoio e si occupa della pulizia.

Chiaramente questo articolo non è pensato per questo tipo di prodotti, anche perché si tratta di rasoi di fascia alta e meno comuni sul mercato.
Fatta questa doverosa precisazione, è arrivato il momento di parlarti di pulizia.

Per quanto riguarda la pulizia quotidiana, ci sono diverse correnti di pensiero: alcune persone preferiscono pulire il proprio rasoio dopo ogni utilizzo; altri, invece, preferiscono aspettare due o tre giorni prima di effettuare la pulizia.

Entrambe le possibilità sono valide, ma chiaramente molto dipende anche dal “quantitativo” di barba rasata.

Ho visto persone tirare fuori dal cassetto del mobile del bagno rasoi elettrici mai puliti prima, con peli ancora neri nonostante avessero la barba completamente bianca.

Ecco: non seguire quell’esempio.

Per la pulizia quotidiana, come molti già fanno, in genere è sufficiente utilizzare la tecnica del “tap”. Semplicemente, una volta finita la rasatura, smonta la testina e colpisci leggermente una superficie per rimuovere ogni eccesso di peli. Utilizza poi il pennellino di pulizia solitamente fornito con il rasoio per rimuovere quello che resta appiccicato.

Ricorda: esistono diversi tipi di testine, che si smontano in maniera diversa fra di loro! Possono esserci infatti quelle dette “a lamina” (classiche dei modelli Braun) o le testine rotanti (classiche dei modelli Philips). Gli accorgimenti da prendere nei vari casi sono molto simili e sicuramente in tutti vale la stessa importante regola: non colpire troppo forte, e soprattutto non la superficie dalla parte delle lame, ma il lato o il retro del rasoio.

Le differenze fra testina a lamine (a sinistra) o rotante (a destra)

L’utilizzo di aria compressa può aiutare a ottenere un risultato più certosino: a tal proposito ti ricordo che esistono delle bombolette apposite che possono essere acquistate a un prezzo contenuto e che permettono una pulizia più approfondita. Non sono però solitamente necessarie.

Ma se tutto questo può andar bene nella routine quotidiana, cosa è necessario fare qualora si voglia fare una pulizia più approfondita?

Pulizia Periodica

Almeno ogni mese—e idealmente ogni due settimane—ti consiglio di effettuare una pulizia più approfondita. Questa, naturalmente, può cambiare in base al rasoio di cui sei dotato, ma in genere seguo questi passaggi:

1 – Rimuovi i peli in eccesso

Questo passaggio è lo stesso della pulizia quotidiana. Dovrai quindi rimuovere la testina superiore e colpire leggermente una superficie per rimuovere i peli rimasti al suo interno. 

2- Usa acqua e sapone (SOLO SE IMPERMEABILE)

La maggior parte dei rasoi elettrici sono impermeabili per poter operare nella maggior parte delle condizioni, ma verifica nel manuale del modello se si tratta del tuo caso prima di proseguire. 

Leggere il manuale è comodo anche per rivelare la presenza di una potenziale “modalità pulizia”, come nel caso di alcuni rasoi Panasonic.

Una volta rimossi i peli con il primo passaggio, far scorrere l’acqua corrente sulle testine e applica una goccia di sapone su di esse. Fai partire il rasoio e vedrai che le testine trasformeranno il sapone in schiuma, lavandole allo stesso momento.

3 – Risciacqua con acqua corrente

Una volta fatto lavorare il rasoio in presenza di sapone—e a tal proposito puoi usare sia il sapone delle mani che quello dei piatti—dovrai procedere alla rimozione del detergente sotto acqua corrente.

Per farlo, dovrai prima passarlo sotto l’acqua mentre è ancora in funzione, così che questa possa penetrare negli stessi punti in cui è entrato il sapone, dopodiché dovrai spegnerlo e smontare i vari pezzi e lavarli accuratamente uno alla volta.

Dopo aver fatto questo, procedi all’asciugatura: anche in questo caso evita di usare un asciugamano poiché potrebbe lasciare residui nel rasoio o danneggiare le lame. Meglio far cadere l’acqua naturalmente fuori dall’apparecchio e quindi lasciarlo asciugare all’aria prima di rimontarlo.

Se hai un rasoio non impermeabile, limitati a smontare le parti della testina pulendole individualmente sempre con acqua e sapone—che non devono essere utilizzati sul corpo del rasoio.

Prima di rimontare tutto, assicurati che tutte le parti siano ben asciutte.

4 – Metti una goccia di olio lubrificante

Una volta completata la pulizia, un buon tocco fonale è quello di aggiungere una goccia di olio apposito—spesso fornito insieme al rasoio o acquistabile a parte—per mantenere lubrificate le lame e permette un miglior scorrimento.

Esistono anche spray dedicati proposti da marchi rinomati nel settore, come la stessa Braun.

Manutenzione del Rasoio Elettrico

L’ultimo passaggio che ti ho mostrato nel punto precedente rientra a pieno titolo nella sezione manutenzione, ma è bene attuarlo dopo ogni pulizia. Se la pulizia del rasoio serve a migliorarne l’igiene e disinfettarlo così da non passarci sul volto ogni mattina uno strumento sporco, la manutenzione serve ad allungargli la vita.

olio e pennello del rasoio elettrico
Il classico olio e pennello forniti con il rasoio elettrico per la sua pulizia e manutenzione

Molte persone utilizzano regolarmente il proprio rasoio elettrico e talvolta può essere difficile accorgerci che la sua qualità si è deteriorata poiché questo avviene in modo graduale.

Quando si parla di manutenzione di un rasoio elettrico, ci sono principalmente tre aspetti da tenere a mente.

Lame e testine

Il primo riguarda la lubrificazione, di cui ti ho già parlato. Il secondo è sempre legato alle lame e riguarda la possibilità di cambiarle nel tempo.

Sebbene si speri che questo momento arrivi il più tardi possibile, a un certo sarà inevitabile dover cambiare la testina del tuo rasoio. Questo perché anche il migliore strumento tende a perdere di qualità nel tempo.

Due “sintomi” a cui devi fare attenzione solo il calore e il dolore: se le testine si scaldano, può essere un indice che le lame fanno attrito nel movimento—perché smussate o storte—o di materiale sedimentato in profondità. Mentre il dolore è causato dal rasoio che non riesce a tagliare il pelo—perché la lama ha perso il filo—e quindi finisce per strapparlo.

N.B. Il cambio delle lame—o del rasoio a lungo andare—è inevitabile, anche con utilizzo corretto e una giusta manutenzione: a seconda di questi aspetti, questo cambio può avvenire dopo un anno o diciotto mesi.

Batteria

Infine, attenzione alla batteria: ci sono modelli che possono essere utilizzati solo se collegati alla corrente, ma per quelli dotati di una batteria interna è bene prendere gli stessi accorgimenti di ogni altro apparecchio elettronico:

  1. Non ricaricare la batteria dopo ogni utilizzo, lascia che questa si esaurisca completamente periodicamente
  2. Una volta scarica, ricaricala completamente—due passi importanti per aumentare i cicli di batteria
  3. Non usare il rasoio a batteria mentre questo è collegato alla corrente.

In genere la batteria di questi dispositivi tende ad avere una lunga durata di vita, ma tu puoi aiutarli a vivere ancora più a lungo.

Conclusione

Prenderti cura del tuo rasoio è sia un investimento di denaro—poiché ritarderai il momento in cui dovrai acquistarne un secondo—, sia un investimento sulla tua salute. Che tu faccia scorrere le sue lame sul tuo volto una volta al giorno o alla settimana, poco importa: vorrai sempre che sia uno strumento pulito e igienico.

Non devo ricordarti l’importanza di iniziare la giornata con il piede giusto: la cura della barba è una routine per molti uomini e se questa diventa dolorosa o fastidiosa, allora la giornata si mette in salita.

Un rasoio non dotato di una corretta pulizia e manutenzione taglierà peggio, in modo meno uniforme, sarà doloroso e fastidioso da usare.

Ricorda che investire tempo ed energie sulla tua salute non è mai tempo sprecato!

Un pensiero su “Come Pulire e Disinfettare il Rasoio Elettrico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *