Tipi di rasoio: ecco le differenze ed i vantaggi di ognuno

Come avrete avuto sicuramente avuto modo di notare nel mondo della rasatura ci sono diversi tipi di rasoio che possono essere utilizzati. Se vi state avvicinando per la prima volta a questo mondo, o siete solo curiosi, in questo articolo vi mostrerò le varie tipologie, le differenze, i vantaggi e svantaggi di ognuno: ne identifichiamo quattro in totale.


Rasoi usa e getta

Tutti quanti almeno una volta lo hanno probabilmente utilizzato nel corso della loro vita: si tratta del rasoio usa e getta, un prodotto estremamente comune ed economico.
Sono generalmente fatti di materiali modesti come la plastica e la lama ha una durata di circa una o due rasatura prima di dovere essere buttata buttata via insieme al resto.
Uno dei vantaggi è il fatto che le lame e la forma siano studiati apposta per forzarci ad usare uno specifico angolo di rasatura che serve a minimizzare le possibilità di tagliarsi.

Un leggero salto di qualità può essere fatto acquistando un modello con le testine rimpiazzabili: oltre a essere generalmente di miglior costruzione risultano anche più affilati ed hanno in genere alcuni accessori come ad esempio una lama di precisione per, ad esempio, definire le basette.


Rasoio elettrico

Ci sono due tipi di rasoio elettrico, a testine o a lamine: tutti e due svolgono un ottimo lavoro e quale scegliere dipende solamente dalle preferenze personali e dal tipo di barba che si ha, ma non esiste una regola precisa se non quella di provarli entrambi.

Un altro punto a favore è quello che la crema o schiuma da barba non sono necessarie ed il fatto che sono portatili e permottono di rasarsi in tempi decisamente più corti rispetto alle altre tipologie.
Possono però anche causare irritazione su chi ha una pelle sensibile, inoltre, per via di come sono progettati, non arriveranno mai vicino abbastanza alla pelle da tagliare il pelo il più corto possibile, di conseguenza il volto non sarà mai perfettamente liscio.


Rasoio di sicurezza

Il rasoio di sicurezza è sicuramente il compromesso perfetto tra efficacia di rasatura, comfort e sicurezza. Sono così chiamati perché la lama sporge solo leggermente dalla testina, in modo da non poter affondare nella pelle e causare tagli importanti.

Possono essere fatti di diversi materiali, dalla plastica per i più economici fino a metalli per le versioni di più alta qualità. La lama può essere cambiata (generalmente a cadenza settimanale) e hanno costi davvero irrisori di pochi centesimi, permettendo così di ammortizzare la spesa iniziale del rasoio vero e proprio.
Esistono in 6 diverse tipologie che variano tra loro nel modo in cui vengono smontati e la lametta viene rimpiazzata e sono semplici da utilizzare essendo molto simili ai modelli usa e getta (che in realtà nasce come semplificazione di un rasoio di sicurezza).


Rasoio a mano libera

Il rasoio a mano libera è sicuramente il re indiscusso della rasatura che però richiede pazienza e tanta pratica per essere utilizzato propriamente, inoltre dovete considerare il fatto che potrete procurarvi molti tagli, anche abbastanza profondi, fin quando non ci avrete preso la mano.

Allo stesso tempo è però il rasoio che permette di avere la rasatura più profonda andando ad agire a stretto contatto con la vostra pelle, motivo per il quale va usato in concomitanza con sapone o crema.

Le lame sono fisse (esistono anche modelli più economici con lame intercambiabili, ma non li consiglio) e andranno affilate regolarmente: anche qui il costo iniziale può essere elevato, ma possono durare praticamente all’infinito e rendono la rasatura un vero e proprio momento “personale” e molto rilassante.


Per concludere

Se vi state ponendo la domanda quale rasoio dovrei comprare, personalmente credo che un appassionato dovrebbe averli tutti, ma per la persona media è una questione di mera preferenza e praticità dato che come abbiamo visto, ognuno ha vantaggi e svantaggi rispetto agli altri.

Comments

comments