Tinta per barba: le migliori e come utilizzarle

Magari avete aspettato mesi per farvi crescere la barba e poi vi siete accorti che ci sono delle chiazze di colore diverso che proprio non vi piacciono.
O magari ancora il tempo sta prendendo il sopravvento sulla barba iniziando a far spuntare i primi peli bianchi.

Qualsiasi sia la motivazione la tinta per barba può essere la soluzione che cercate, sia che si tratti di fare piccoli ritocchi, sia che si tratti di cambiare completamente colore a tutta la barba.

In questa guida vi spiego come scegliere una tintura per barba, quali sono le migliori e come applicarla.

Cominciamo !


Migliori tinte per barba

Quando si tratta di coloranti per barba, non ci sono molti prodotti in commercio tra cui scegliere, ma fortunatamente per noi quelli che si trovano sono generalmente di buona qualità.

Ecco i 3 che consiglio.

Foto Prodotto Descrizione Link
Just for me La migliore tinta per barba con ampia varietà di colorazioni
Renèe Blanche Italiana e senza ammoniaca
NaturLab Per piccoli ritocchi

Tinta per barba Just for Men

tinta barba just for men

Qualità
Costo
Valutazione

Just for Men è probabilmente la miglior tinta per barba ed indubbiamente anche quella più utilizzata e facile da reperire.

Questo è dovuto non solo alla qualità ed all’efficacia del prodotto in se, ma anche alla ampia gamma di colorazioni disponibili che permettono di trovare quella perfetta per la propria barba.

In totale le colorazioni sono 10, ma non tutte sono facili da trovare. Quelle più diffuse sono le seguenti 5:

  • M10 – Biondo
  • M25 – Biondo scuro
  • M35 – Castano
  • M45 – Castano scuro
  • M55 – Nero

Tra di esse si trovano altre leggere sfumature – come ad esempio M15 o M40 – ma in generale le 5 qui sopra si adattano a tutti.

Questa tinta per barba è anche facile e veloce nell’applicazione, la quale richiede una messa in posa di soli 5 minuti, ed il pennello fornito nella confezione – che contiene anche guanti e vaschetta – permette di applicare il prodotto facilmente.

Va benissimo sia per barbe corte che lunghe, ed una scatola contiene abbastanza prodotto per fare dalle 3 alle 5 applicazioni.

Pro

  • Ampia gamma di colorazioni
  • Facile da utilizzare

Contro

  • Nessuno

Colore per barba e baffi Reneè Blanche

Qualità
Costo
Valutazione

Questa azienda italiana – anche se il nome la fa sembrare francese – è apparsa diverse volte nei nostri articoli, ad esempio quando abbiamo parlato di kit barba.

Quello in cui però sono veramente specializzati sono proprio le colorazioni, e non potevano fa mancare nella loro gamma anche una tinta per barba che, tra le altre cose, non contiene ammoniaca.

Questo la rende particolarmente adatta se siete tendenti ad irritazioni o tale sostanza vi crea qualsiasi sorta di problema.
Le colorazioni in questo caso sono 6:

  • 1N – Nero
  • 3N – Castano Scuro
  • 4N – Castano
  • 5N – Castano Chiaro
  • 6N – Biondo Scuro
  • 7N – Biondo

Anche per questo prodotto troviamo all’interno della confezione guanti, vaschetta, pennello per l’applicazione e, punto decisamente a favore, uno shampoo per barba ed un balsamo che potremmo utilizzare nella fase di risciacquo.

Pro

  • Senza ammoniaca
  • Di facile applicazione
  • Contiene shampoo e balsamo per il risciacquo

Contro

  • Nessuno

NaturLab

Qualità
Costo
Valutazione

Questo della NaturLab non è un tinta vera è propria, piuttosto si tratta di un mascara da barba – se così possiamo chiamarlo – semi permanente.

Nonostante venga venduto come prodotto per i capelli può essere tranquillamente utilizzato sulla barba – come viene specificato dal produttore stesso – ed è ottimo se la vostra necessità è solamente quella di coprire qualche pelo bianco sparso qua e là.

Un’altro utilizzo utile che se ne può fare è scurire eventuali zone più chiare sulla nostra barba.
Le colorazioni disponibili sono ben 7 e per rimuoverlo è sufficiente fare uno shampoo.

Pro

  • Utile per coprire piccole zone
  • 7 diverse colorazioni

Contro

  • Non dei più economici

Come scegliere una tinta per barba

Quando ci apprestiamo a scegliere la tinta da barba migliore per le nostre esigenze, ci sono alcuni fattori che dovremmo tenere in considerazione.

Una nota particolare va fatta in merito alle allergie: esiste infatti la possibilità di essere allergici ad alcune tinte, e questo potrebbe creare problemi più o meno gravi a seconda del caso.
Cercate sempre di controllare gli ingredienti e fate un test: prendere una piccolissima quantità di sostanza ed applicatela sul vostro avambraccio: lasciatela per qualche ora, e se non crea irritazioni o rossore, dovreste essere a posto.

Colore

Il colore è naturalmente un parametro molto importante quando si scegliere una tintura per barba, e potreste dover fare un paio di tentativi prima di trovare quello giusto per voi.

Ovviamente scegliete quello che di più si adatta al vostro colore naturale, ed in caso di dubbio tra due colori scegliete sempre quello più chiaro. Questo perché in caso di problemi basta lasciarlo agire per un minuto in più e dovrebbe darvi un effetto più scuro.

Ingredienti

Come abbiamo menzionato prima gli ingredienti presenti nelle tinte per barba – e non solo – possono causare irritazioni ed allergie.

E’ bene quindi sempre leggere le etichette e verificare che quelli elencati non ci causino problemi.
In particolare una sostanza che per alcune persone può risultare particolarmente irritante è l’ammoniaca che serve per meglio far assorbire il colore: in questo caso optate per una tinta che non la contenga.

Permanenza

In genere la tinta per barba è permanente, ovvero con una durata che varia dalle 2 alle 6 settimane.

Esistono però anche quelle semi permanenti, come il mascare da barba che abbiamo visto prima, le quali durano solamente per un giorno e possono essere rimosse facilmente.


Come tingere la barba

Passiamo ora a vedere come applicare la tinta per garantirci un risultato perfetto.
Queste sono linee di guida generali ma si applicano bene un pò a tutti i prodotti: leggete sempre e comunque le istruzioni fornite dal produttore in quanto potrebbero contenere altri importanti dettagli.

Preparazione

come preparare la tinta barba

La prima cosa da fare è preparare la nostra barba: assicuretevi che sia asciutta, pulita e libera da prodotti come oli o balsami che creerebbero difficoltà alla tinta per penetrare.

Per proteggere le zone della pelle intorno alla barba potete applicare della crema idratante o anche una a base di petrolato.
Questo serve ad evitare che il viso si macchi: potete applicarla lungo tutta la pelle che contorna la barba.

Ora non resta che preparare la tinta per barba: in genere questo prevede mischiare all’interno di una vaschetta il colorante ed un attivatore in parti uguali.
Le proporzioni sono molto importanti, leggete per bene quello che le istruzioni indicano perchè il rapporto potrebbe variare.

Applicazione

applicare la tinta per barba

Ora prendere l’applicatore fornito e con dei movimenti verticali in entrambi le direzioni coprite tutte le zone che intendete colorare.
Assicuratevi ci coprire tutta la lunghezza dei peli, ma evitate il contatto con la pelle se possibile.

Se nel kit che avete scelto non è incluso un applicatore potete utilizzare uno spazzolino da denti.

Ora non rimane che aspettare che la tintura per barba faccia il suo effetto: questo varia da prodotto a prodotto da 5 minuti fino anche a 20.
Il tempo di applicazione è molto importante e se non rispettato potrebbe portare tonalità di colore diverse da quelle che ci si aspetta.

Risciacquo

come risciacquare

A questo punto risciacquate con abbondante acqua, fino a che tutto il colorante non sarà rimosso dalla vostra barba.

Alcuni produttori consigliano anche di eseguire uno shampoo per assicurarsi che tutti i residui siano rimossi a dovere.
Attenzione però anche qui a seguire ciò che è scritto nelle istruzioni: alcuni shampoo infatti potrebbero schiarire il colore, soprattutto se fresco di applicazione.

Consigli aggiuntivi

Per mantenere il colore potete fare dei piccoli ritocchi settimanali ed applicare di nuovo la tinta alla base dei peli. Molto dipende ovviamente anche dalla velocità della nostra ricrescita.

Una domanda che inoltre viene spesso posta con questo tipo di prodotti è se sia possibile utilizzarli con la barba corta.
Tecnicamente la risposta è si, ma bisogna prestare più attenzione nell’applicazione per evitare di tingere la pelle o ottenere un risultato “non naturale”.


Per concludere

Sperando di aver risposto a tutte le domande ed i dubbi in merito alla tinta per barba, non vi resta che provare.

Come detto prima è molto possibile che il colore scelto non sia perfetto, soprattutto la prima volta che si applica, ma fortunatamente per noi basta aspettare qualche settimana prima di poterlo correggere con una seconda applicazione.
Il segreto per trovare la tonalità giusta è semplicemente provare !

Inoltre voglio sottolineare come se il vostro scopo è quello di ottenere un colore totalmente diverso da quello che la vostra barba ha naturalmente, potreste incorrere in problemi, soprattutto se si tratta di tonalità più chiare: in questo caso meglio chiedere ed affidarci al nostro barber shop di fiducia.

Un pensiero riguardo “Tinta per barba: le migliori e come utilizzarle

I commenti sono chiusi