Come farsi la barba: una guida alla routine perfetta

Farsi la barba è parte della routine giornaliera di noi uomini: c’è chi utilizza gli usa e getta, o chi ancora preferisce affidarsi a metodi più tradizionali come il rasoio a mano libera o quello di sicurezza, tipico dei tempi dei nostri nonni.

Indipendentemente dal metodo prediletto, ci sono consigli e tecniche che vanno utilizzate per radersi a dovere, evitando così di procurarsi tagli o altri problemi come quello spesso presente dell’irritazione.

In questo articolo vedremo quindi come radersi a regola d’arte, senza nulla invidiare ai barbershop più esperti.

Premetto che questo articolo è rivolto principalmente alla rasatura manuale. Farsi la barba con il rasoio elettrico infatti non richiede in genere i passaggi che vedremo qui sotto, anche se con alcuni modelli – definiti wet&dry – è possibile utilizzare un gel pre-rasatura se si ha una pelle estremamente sensibile.

Detto ciò, cominciamo !

Idratare la pelle

Il primo passo da compiere è quello di idratare a fondo la pelle. Per fare ciò esistono diverse soluzioni a cui possiamo affidarci.

Il metodo più efficace è sicuramente quello di fare una doccia calda; l’acqua ed il vapore aprono i pori ed ammorbidiscono la pelle, preparandola alla rasatura.

In alternativa è possibile semplicemente bagnare il viso con dell’acqua calda, o utilizzare un asciugamano caldo ed avvolgerlo intorno al viso, lasciandolo in posa qualche minuto. Quest’ultimo è il metodo preferito dai barber shop tradizionali.

Molto probabilmente a casa non abbiamo uno scalda salviette come dal nostro barbiere: possiamo prendere un piccolo asciugamano, inumidirlo per bene e poi metterlo nel microonde per pochi secondi. L’effetto sarà lo stesso, fate però attenzione a non scottarvi !

Utilizzate un pre rasatura

Questa fase serve a migliorare ulteriormente lo scorrimento delle lame sulla nostra pelle, andando così ad evitare escoriazioni ed arrossamenti.
Molte persone saltano questo passaggio, procurandosi fastidiosi problemi come la follicolite, o coprendo il loro viso di tagli.

Anche a questo scopo diversi prodotti che possiamo utilizzare:

  • Sapone da barba, uno dei più classici. Va montato con l’utilizzo di un pennello ed un’apposita ciotola. E’ indubbiamente il metodo più efficace, ma anche quello che richiede più tempo ed esperienza.
  • Schiuma da barba che può essere applicata sia con le mani che con il pennello.
  • Gel da barba, i quali hanno il vantaggio di essere trasparenti. Molto utili quando si tratta di vedere cosa si fa con il rasoio, come quando si rade solamente la linea del collo o quella delle guance.

A prescindere dal metodo scelto, assicuratevi di massaggiare bene il prodotto per far si che venga assorbito a dovere. Quest’operazione richiede in genere un paio di minuti, fatta eccezione per il sapone da barba che deve essere prima montato.

Afferrate il rasoio

tipi di rasoi
Due diversi rasoi

Ora che abbiamo finito la fase di preparazione, è arrivato il momento di vedere come farsi la barba con il rasoio, nel senso vero e proprio.

Come abbiamo già detto nell’introduzione esistono diversi tipi di rasoi che possiamo utilizzare: per approfondire vi invito a leggere gli articoli che potete trovare qui su BarbaIncolta.

Prendete ora il rasoio che preferite e cominciare a radere seguendo la direzione di crescita del pelo.
E’ molto probabile che a seconda delle zone del vostro volto i peli avranno direzioni di crescita diverse. Per capire come radere basta passare una mano sulla vostra barba: se scorre allora state andando nella direzione di crescita, se invece la sentite ispida o che gratta vuol dire che state andando contropelo.

Fate anche molta attenzione a non applicare una pressione eccessiva, affrontando ogni volta piccole zone di pochi centimetri.

Durante questa fase è ottimo risciacquare spesso il rasoio, in quanto gli accumuli di peli tagliati e gel pre-rasatura o schiuma tendono ad accumularsi fra le lame, diminuendo così la loro capacità di taglio e costringendoci ad esercitare più pressione. Inutile sottolineare come questo porti poi a tagli ed irritazioni !

Il contropelo va evitato, soprattutto se avete una pelle sensibile. Se non siete soddisfatti del risultato potete optare per una passata perpendicolare al verso di crescita, ma fate attenzione a non esagerare.

Risciacquo e dopobarba

dopobarba

Un volta terminata la fase di rasatura e bisogna sciacquare a fondo il viso per rimuovere i peli tagliati e le varie rimanenze della schiuma da barba.

Se è vero che per preparare il volto alla rasatura abbiamo utilizzato dell’acqua calda, questa volta dovremmo assicurarci di utilizzarla fredda: in questo modo la pelle si tende, chiudendo così i pori e bloccando eventuali fuoriuscite di sangue da qualche taglio che potremmo esserci procurati.

Un’altra buona idea è quella di applicare un dopobarba idratante, per dare sollievo alla nostra pelle ed aiuta a prevenire la comparsa di infezioni.
Fra i miei prodotti preferiti in questo senso ci sono sicuramente i Taylor of Old Bond Street: un pò costosi, ma molto efficaci.

Ultimi appunti

Confido che le informazioni contenute in questo articolo siano state utili nel capire come farsi la barba.
Una buona rasatura dopotutto è alla base di un look curato e pulito, fondamentale per un’ottima prima impressione.

Ricordatevi inoltre di sostituire spesso le lame del vostro rasoio: una volta consumate infatti esse tendono a strappare, rendendo quello che dovrebbe essere un rito per noi rilassante un totale incubo.

La pratica rende maestri e provate diverse soluzioni e prodotti per vedere quali si adattano meglio alle vostre necessità e alle vostre preferenze personali di rasatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *