Barba a chiazze: perchè non cresce in alcuni punti e come rimediare

Il fenomeno della barba a chiazze che non cresce in alcuni punti è molto più diffuso di quanto si pensi e nonostante possa detrarre molte persone dal farsi crescere una lunga e folta barba, in realtà ci sono rimedi molto semplici con cui porre rimedio.
Bisogna partire col dire che quanto la nostra barba sia folta o no dipende, come avrete intuito, dalla genetica e per farci un’idea basta dare un’occhiata ai membri della nostra famiglia.
Bisogna inoltre anche tener conto dell’età: la barba può infatti crescere e continuare il suo sviluppo fino al raggiungimento dei 25 anni ! Se siete quindi più giovani avete molto probabilmente ancora qualche anno prima di raggiungere un punto fermo.
Vediamo ora le soluzioni per la barba a chiazze che funzionano nella maggior parte dei casi.


Falla crescere

Sembra scontato ma vi assicuro che spesso viene dimenticato: la barba cresce infatti in modo non omogeneo a diversi ritmi nella varie zone del viso. Ciò significa che ad esempio la crescita della barba sul mento potrebbe essere più veloce di quella sulle guance e questo potrebbe portare a pensare di avere un buco in quella zona che invece ha solo bisogno di più tempo.
Proprio per questo motivo in molti fanno crescere la loro barba per una paio di settimane e poi non soddisfatti tendono a sbarazzarsene subito, molto spesso anche con l’insorgere in contemporanea di inconvenienti come il prurito, che può essere invece tenuto a bada molto facilmente con l’uso di una spazzola ed un olio da barba che aiutano inoltre a coprire le zone meno folte direzionando i peli. Bisogna invece attendere almeno un mese per far si che la barba cresca in tutti i punti e solo in quel momento potremmo veramente dire di avere un buco.


Prenditene cura

Nonostante la anche qui la genetica ruoli un gioco fondamentale su cui possiamo influire in modo limitato, per stimolare la crescita della barba (e più in generale dei peli sul corpo) si può cercare di stimolare il nostro sistema ormonale, in particolare la produzione di testosterone che è responsabile per la crescita.

  • Mangia bene: l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale, bisogna quindi fare in modo di dotare il corpo di tutti i nutrienti necessari come proteine, grassi del gruppo Omega (molto importanti a livello ormonale), vitamine e minerali.
  • Fai esercizio: l’esercizio fisico è agisce sia in modo diretto (spingendo il corpo a produrre più ormoni) che indiretto (ovvero bruciando grasso corporeo che limita i livelli di testosterone in circolaizone)
  • Riposati: dormire tra le 7 e le 9 ore a notte è l’ideale sia per la nostra barba come per tutto il resto del corpo

L’adattamento è la chiave

Se dopo averle provate tutte ed aver atteso più di un mese avete davvero la barba a chiazze avete due opzioni, potete ovvero rasarvi completamente o utilizzare uno stile di barba più corto, come il famoso 5 o’ clock shadow, che consiste in una barba molto corta e ribelle così chiamato perchè è l’effetto riscrescita serale che si ottiene quando ci si rasa la mattina, come nella foto qui a fianco !

Ci sarebbe in realtà una terza opzione ovvero quella del trapianto ma oltre ad essere terribilmente costosa e disponibile solo in un numero esiguo di cliniche, la vedo come una cosa molto forzata da fare.

 

Commenti

commenti